Corso di colloquio generativo

Corso di self empowerment e comunicazione
 

“La metodologia collega la parola,

il gesto, ogni forma di comunicazione che

è presente in quel momento e per quella persona”

Il metodo si modella sulla persona

Il Corso offre la possibilità di apprendere una metodologia e una prassi del colloquio, spendibile nei più differenti contesti e ambiti lavorativi: sanità, psicoterapia, scuola, servizio sociale, azienda, libera professione…

Guidato dal Professor Massimo Bruscaglioni e dalla dottoressa Maria Cristina Koch, il Corso propone un intreccio e uno scambio generativo fra due professionalità: la cultura dell’empowerment e selfempowerment e la meraviglia complessa della comunicazione.

Il Corso prevede un week end al mese per un totale di nove, a conduzione alternata di Massimo Bruscaglioni e Maria Cristina Koch.

Il costo è di 2.700 euro + IVA, pagabili 900 euro + IVA a trimestre oppure 2.400 + IVA se saldati tutti assieme prima dell’inizio del corso, 1990 euro + IVA entro il 20 luglio.

Gli orari delle giornate sono 10 – 18.

Il numero massimo di partecipanti è di 20.

 

>> 29/30 Settembre OPEN DAY con prenotazione obbligatoria  <<

 

Nell’ambito di ogni trimestre ogni partecipante avrà diritto a un colloquio di personale.

La sede del Corso sarà la Casa di Vetro, sede di Sistema Counseling, via Luisa Sanfelice, 3, 20137 Milano.

Date:

  • primo trimestre: 29/30 settembre (open day), 27/28 ottobre, 24/25 novembre 2018
  • secondo trimestre: 19/20 gennaio, 16/17 febbraio, 16/17 marzo 2019
  • terzo trimestre: 13/14 aprile, 18/19 maggio, 22/23 (esami) giugno 2019

Per iscriversi: segreteria@www.eduzione.it  02 29408656

Il colloquio generativo empowerment oriented Con l’approccio operativo dell’empowerment, il Corso fornisce un concreto bagaglio di strumenti concettuali ed operativi e di metodo, per aiutare le persone, “le persona“, ad individuare nuove possibilità personali, aspirare al benessere personale, per sentirsi protagoniste nella gestione della propria vita, per raggiungere consapevolezza ma anche per mettersi in azione ed innescare il processo personalmente risolutorio e vincente. Gli strumenti operativi del Self empowerment vengono approfonditi su entrambi i versanti complementari: nell’ottica del loro utilizzo da parte della persona cliente che usufruisce del colloquio, e nell’ottica del loro utilizzo da parte dell’operatore che fornisce e genera il supporto a fronte delle specifiche esigenze e caratteristiche e problematiche e possibilità del cliente. Il filone dell’aspetto metodologico tipicamente operativo del Self empowerment, “empowerment oriented”, si integra e si sposa nel Corso con il filone rivolto all’approfondimento della comunicazione e della relazione tra la persona professionista e la persona cliente. Ne nasce così la possibilità generativa, concentrato sulla persona intera e speciale, non solo spicchio di persona o ruolo o problema, in cui l’operatore è supporto alla generazione nella persona di nuove possibilità e di nuovi approcci nelle aree più complesse della propria vita e dei suoi momenti più delicati andando oltre rispetto alle modalità più scontate. Nell’ambito del Corso saranno approfondite le modalità dei colloqui e percorsi generativi nelle aree più varie e anche meno abituali: le tematiche degli  adulti che lavorano, i rapporti tra le persone nei diversi ruoli della loro vita attiva, le decisioni da prendere in campo sanitario o scolastico, il benessere che per le persone reali non  consiste certo solo nel superamento del disagio e del malessere, la percezione di essere protagonista nella gestione della propria vita, le esigenze e le possibilità di  innovazione e  cambiamento, in senso più ampio: l’ aspirazione ad inventarsi la vita.  

Letture consigliate:

Massimo Bruscaglioni, (2007), “Persona Empowerment”, F. Angeli editore

Cristina Cavalieri, (2016), “La metodologia del counseling empowerment oriented che mette in azione”, in “Il counseling in Italia: funzioni, criticità, prospettive de applicazioni” a cura di S. Soresi, L. Nota, M.VC: Ginevra. CLEUP 2016.

Massimo Bruscaglioni, (2016), “La microcultura empowerment generativa degli operatori nelle strutture di supporto alla persona”, in “Il counseling in Italia: funzioni, criticità, prospettive de applicazioni” a cura di S. Soresi, L. Nota, M.VC: Ginevra. CLEUP 2016.

La comunicazione generativa Il pensiero e la prassi, anche tecnica, della comunicazione generativa sono strettissimamente correlati, coinvolgendo, dunque, ogni livello e registro di comunicazione intesa nel suo senso più ampio. Gli incontri, quindi, saranno ogni volta modulati e caratterizzati da una forte accentuazione esperienziale affinché ogni partecipante possa cogliere e fare suo il processo complesso in cui il pensiero si fa parola attraverso il corpo in una danza con l’altro interlocutore. L’avvio, i tempi, l’alternarsi dei diversi registri e dei passaggi fra i vari livelli logici saranno scanditi e individuati affinché il colloquio condotto da ciascuno e ogni singolo colloquio possano rappresentare al meglio le intenzioni e gli spostamenti relazionali degli interlocutori. In particolare, i grandi argomenti affrontati saranno:

  1. Il tema ampio della comunicazione, l’interazione corpo/pensiero nelle sue varie forme e dimensioni.
  2. Relazionarsi perché? La costruzione dell’obiettivo, l’atteggiamento del nostro pensiero, l’armonizzazione dell’intero complesso della nostra persona.
  3. L’altro: in che termini e come mai mi interessa? Come lo scopro, come lo conosco, come lo accosto per intenderci?
  4. L’arte raffinata del domandare: presupposti, tecniche, esiti e valutazioni.

Letture cui fare riferimento:

  1. Cristina Koch, Curare la vita con la vita, lulu.com, 2009
  2. Cristina Koch con un saggio di Massimo Bruscaglioni

Counseling, un modo di abitare il mondo. Presupposti, tecniche, finalità., Guerini 2017

Sistema Eduzione

Sistema Eduzione